STOP ALLE DOMANDE per i Buoni spesa Covid-19

Informazioni Generali

  • 1 Dicembre 2021
  • Esauriti i fondi per l'erogazione dei buoni spesa

Cambiano i requisiti per richiedere i voucher e una parte del fondo è destinato all'Emporio della Solidarietà Caritas di Pioltello. L'obiettivo è raggiungere la popolazione che non ha ancora beneficiato della misura, varata lo scorso gennaio, nonostante abbia visto aggravarsi la propria condizione economica a causa della pandemia.

Cambiano i requisiti ai buoni pasto erogati alle famiglie in situazione di difficoltà a causa dell’emergenza Covid-19. Lo ha deciso la giunta comunale, che lunedì 11 settembre – anche sulla base della proroga dello stato di emergenza fino al 31 dicembre 2021 decretata dal governo - ha approvato una modifica alle linee guida per l’ottenimento del voucher alimentare con l’obiettivo di raggiungere la popolazione che non ha ancora beneficiato della misura nonostante abbia visto aggravarsi la propria condizione economica a causa della pandemia.

 

Per l’erogazione dei buoni spesa alimentari l’Amministrazione comunale di Pioltello aveva stanziato nel dicembre 2020 una somma di 200mila euro tramite il fondo nazionale messo a disposizione dei Comuni dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri per affrontare l’emergenza alimentare legata alla crisi sanitaria. Da gennaio a luglio 2021 sono stati erogati buoni spesa per una somma complessiva di 54.994,70 euro, che hanno consentito di sostenere 181 nuclei famigliari.

 

Ecco i nuovi criteri di accesso al nuovo bando per la richiesta dei buoni spesa:

  • Essere cittadini residenti nel territorio comunale alla data di pubblicazione del presente avviso;

  • Per i cittadini stranieri non appartenenti all’Unione Europea si richiede il possesso di un titolo di soggiorno in corso di validità nel rispetto delle tipologie previste dalla Legge 132/2018;

  • Aver un patrimonio finanziario complessivo, relativo a tutti i componenti familiari del richiedente (saldo di c/c, carte prepagate, libretti risparmi, buoni postali, titoli) alla data di pubblicazione del presente avviso non superiore a: € 2.000,00 per il nucleo famigliare composto da una sola persona. L’importo può essere incrementato in funzione del numero dei componenti del nucleo famigliare e delle eventuali disabilità nel seguente modo: € 1.000,00 per ogni ulteriore componente del nucleo familiare, € 3.000,00 per ogni componente con disabilità ai sensi della legge 104/92;

  • Si richiede un ISEE ordinario o corrente inferiore a euro 15.000,00 per il nucleo familiare; ordinario o corrente inferiore a euro 9.000,00 per persona sola;

  • Essere in condizione di urgente bisogno alimentare, da autocertificare con il modulo di domanda;

I requisiti relativi al patrimonio e all'ISEE sono derogabili su motivata relazione del Servizio Sociale e previa analisi socio-economica del richiedente.

 

L’Emporio della Solidarietà

La giunta comunale ha inoltre deciso di destinare una quota del restante fondo per l’emergenza alimentare, pari a 60mila euro, all’Emporio della Solidarietà Caritas presso la Parrocchia di Seggiano. È infatti previsto dall’Ordinanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 29/3/2020, che ha ripartito ai Comuni le risorse da destinare a misure urgenti di solidarietà alimentare, avvalersi degli enti del terzo settore per l’acquisto e la distribuzione dei buoni spesa e/o dei generi alimentari acquistati con le suddette risorse. Attraverso i buoni spesa forniti dal Comune l’Emporio potrà acquistare alimenti e prodotti da fornire ai propri utenti, intercettando anche situazioni transitorie di difficoltà su segnalazione dei servizi sociali, secondo un protocollo operativo da sottoscrivere con il Comune.

 

L’Emporio della Solidarietà di Pioltello - un “supermercato” completamente gratuito riservato a persone e famiglie segnalate da Centri d’ascolto Caritas e Servizi sul territorio che possono scegliere liberamente i prodotti attraverso una tessera personale caricata a punti rinnovabile ogni sei mesi - si trova nell’oratorio della Parrocchia Beata Vergine Assunta, nei locali ristrutturati grazie a un investimento di 40mila euro dell’Amministrazione comunale attraverso i fondi del Bando Periferie aggiudicatosi dal Comune nel 2016. Il progetto è frutto della collaborazione tra Caritas Pioltello, Caritas Ambrosiana, Amministrazione comunale e Parrocchie pioltellesi.

 

torna all'inizio del contenuto