Comune di Pioltello
Fotografia Notizie
3 Febbraio 2016

Bando Reddito di Autonomia

Motivi della non adesione

Ventuno comuni della Città Metropolitana decidono di non aderire al bando di Regione Lombardia per l’avvio sperimentale del reddito di autonomia.

Mancano le condizioni: attendiamo che Palazzo Lombardia ci dia risposte e chiarimenti”

 

Tempi stretti, finanziamenti insufficienti e destinatari non ben definiti: i Distretti sociali di Cernusco, Melzo e Pioltello che rappresentano 21 comuni della Città Metropolitana, decidono di dare forfeit al bando sperimentale indetto dalla Regione per finanziare voucher per anziani e disabili.

E’ una presa di posizione di certo forte quella che è stata condivisa nei giorni scorsi da sindaci e assessori dei Comuni coinvolti rispetto all’invito fatto da Regione Lombardia a partecipare al bando pubblicato nel mese di dicembre per l’assegnazione di circa 5 milioni di euro su tutto il territorio regionale e messi a disposizione dal Fondo Europeo.

“La modalità mette in capo ai Distretti sociali un crono programma stringente e complesso, soprattutto se valutato a fronte dei possibili fruitori. Basti pensare che su tutto il territorio regionale saranno finanziati 520 anziani e 470 disabili. Le relazioni tra Regione Lombardia, ex Asl MI2 e Distretti sociali dovrebbero garantire un sistema nel quale vengono rispettati e valorizzati i rispettivi compiti. In questo caso, invece, ai Distretti viene chiesta un’attività preliminare gravosa, che andrebbe di certo a determinare un numero esiguo di voucher regionali a fronte di aspettative di cittadini difficili da valutare a priori nella qualità e quantità”.

A fronte di quanto accaduto, i Distretti sono comunque disponibili a rivalutare la propria posizione nei rapporti con Regione Lombardia a fronte di futuri nuovi sviluppi di interventi rivolti alla popolazione fragile del territorio, fermo restando un diverso e attento approccio ai bisogni delle persone e all’entità delle risorse che verranno messe in campo.

 

 

 


 

Documenti associati

Per visualizzare i documenti in formato PDF è necessario aver installato l'ultima versione di Acrobat Reader, disponibile gratuitamente sul sito www.adobe.it
Per scaricare il download di OpenOffice accedere a www.openoffice.org